venerdì 12 giugno 2015

HAMBURGER PARTY ATTO I: di fassona piemontese e salsa verde

In questo periodo vado di fretta.
Tra qualche giorno partiremo per le tanto agognate ferie.
Quindici giorni in Calabria. Tra il mare e i la Sila.
Dopo dieci anni torniamo a rivedere luoghi e persone che ci hanno accolti e fatti sentire come a casa per tanto tempo. Non vedo l’ora.
Quindi potete immaginare quante cose ci siano da fare prima della partenza e in previsione di essa. Casa da sistemare, panni ad lavare e stirare, valige da fare, cose varie ed eventuali che sicuramente salteranno fuori all’ultimo minuto.
Mettiamoci anche che mio figlio ha pensato bene di beccarsi la quinta malattia e che si è ripreso solo ora. Mettiamoci anche le varie feste di fine anno scolastico, fine catechismo, fine attività sportive. Tutte ovviamente concentrate in questa settimana.
Insomma sto girando come una trottola.
Da ultimo il compleanno del maritino.




Che se è vero che nell’affanno di questi giorni non si aspetta una mega festa, però proprio senza niente non si può lasciare.
Anche perché devo fargli pesare il traguardo dei suoi 40 anni, visto che sono arrivati con qualche mese di ritardo rispetto ai miei e lui non ha perso occasione per farmelo notare.
Quindi urgeva soluzione.
Per farlo felice basta preparargli qualche manicaretto goloso, godurioso, ciccioso, molto condito, da mangiare con le mani sbrodolandosi anche un po’ e possibilmente difficile da digerire.
Qual è il cibo che rispecchia in pieno tutte queste categorie?
Semplice l’Hamburger.
Quello stra pieno di roba che “scionfa” da tutte le parti quando lo addenti.
Questo mese capita proprio a fagiolo la sfida n°49 dell’MTChallenge. L’ha lanciata Arianna dopo aver vinto quella precedente sulla pasta con il pomodoro.
Ha scelto proprio l’hamburger con tutte le sue possibili varianti: carne, pesce, vegetariano.
Ampia libertà sulle salse e condimenti vari, da fare rigorosamente in casa.
Praticamente la mia fantasia ha iniziato a scalpitare.
Unica mia preoccupazione è stata la richiesta di preparare anche i panini, i burger buns. Io come ho già detto altre volte adoro impastare. Mi piace proprio lavorare gli impasti con le mani. Mi rilassa. Non mi sono nemmeno voluta comprare la planetaria.
Sto anche imparando nuove cose sulle farine, l’idratazione, l’impasto e la lievitazione.
Devo dire che me la cavo anche piuttosto bene.
La cosa che mi preoccupa sempre è la cottura. Questo è l’unico neo. Non sono ancora riuscita a cuocere un pane in maniera soddisfacente. O almeno come piace a me, cioè soffice, ben cotto e dorato, con la crosta croccante ma sottile e non troppo dura. Figurarsi un po’, questi panini devono essere soffici per forza.
Ero proprio preoccupata.
Oltretutto doveva andar bene alla prima, visto che ho solo questa settimana per preparali, fotografarli e postarli. Poi per un po’ bye bye al PC e anche alla cucina, anche perchè che intendo rilassarmi totalmente.
Invece mi sono venuti subito e benissimo. Merito della ricetta di Arianna a prova di incapace. Oppure sarà fortuna del principiante, o forza della disperazione, o tutti gli spiriti del lievito e del forno che ho invocato. Non lo so, fatto sta che questi panini sono venuti una meraviglia.
Infatti ne ho preparati ben due versioni diverse con altrettante farce diverse.
E l’Hamburger party è servito.
Poi ditemi se non sono una brava moglie.
Volevo pubblicare entrambe le versioni nello stesso post. Ma sarebbe venuto fuori un romanzo.
Anche perché sembra banale parlare di Hamburger, ma fa i panini, prepara la polpetta, la salsa, i rinforzini vari, il contorno, il procedimento diventa molto articolato e richiede un minimo di chiarezza. Più che altro nel raccontarlo, poi in pratica tutto diventa più semplice.
Quindi mettiamoci un attimo seduti con calma e vi racconto la prima versione degli Hamburger. Quelli pensati proprio per il compleanno del quarantenne. Come piacciono a lui.
Quindi carne, tanta. Una salsa molto saporita. Formaggio gustoso. Verdura si, ma mica insalata verde, non siamo mica capre, perdindirindina. E patate fritte come se piovessero.
Agli ordini. Eseguito tutto. Ma a modo mio.
Buon compleanno!!!










Hamburger di Fassona, con peperoni arrostiti, Raschera, salsa verde e pane con noci e semi misti.

Per il pane alle noci e semi misti:
125g farina manitoba,
125g farina 00,
130g latte,
25g burro morbido,
4g lievito di birra fresco,
1 cucchiaino di miele,
10g zucchero,
5g sale fino,
2 cucchiai di semi misti: zucca, girasole, lino, sesamo,
2 cucchiai di gherigli di noce tritati grossolanamente.
Per completare:
1 uovo,
latte,
semi misti.

Sciogliete il lievito nel latte tiepido con il miele, fate riposare 10 minuti. Fate la fontana con e farine, il sale e il burro. Unite il latte e iniziate ad amalgamare. Unite anche il sale. Impastate energicamente fino ad avere una pasta morbida ed elastica. Fatela lievitare in una ciotola coperta con pellicola e un canovaccio pulito per circa 2 ore. Deve raddoppiare.
Stendete l’impasto con le mani, cospargetelo con i semi e le noci premendoli bene nella pasta, ripiegate in tre, girate la pasta dio 90°, stendete nuovamente e ripiegate. Ripetete altre due volte, in modo da incorporare bene semi e noci. Fate nuovamente lievitare coperto per un’ora circa.



Dividete l’impasto in quattro parti uguali, formate delle pagnotte rotonde di circa 120g l’una, appiattitele leggermente  e mettetele nella placca coperta di carta forno. Fate lievitare mezz’ora circa, coperte con un canovaccio poi spennellatele con l’uovo sbattuto con poco latte e cospargetele con qualche semino.
Infornate a 180°C per circa 20-25 minuti, forno caldo e statico.
Fatele raffreddare coperte con un canovaccio asciutto e pulito in modo che la crosta rimanga soffice.
Una volta freddi si conservano morbidi per due tre giorni in un sacchetto da pane e messi ancora dentro un sacchetto di plastica per alimenti.





Per l’hamburger di Fassona:
500g circa di scamone di Fassona piemontese,
santoreggia, erba cipollina, maggiorana,
sale, pepe, noce moscata.




Tagliate la carne a cubetti piccoli e poi tritateli con un coltello grosso, pesante e affilato. Oppure fatevela macinare possibilmente a coltello dal macellaio.
Tritate finemente qualche rametto di erbe aromatiche, mescolatele alla carne con un pizzico di sale, pepe e noce moscata. Formate 4 grossi hamburger. Non pressateli tanto.
Scaldate bene una piastra o una bistecchiera, fate cuocere gli hamburger 2-3 minuti per lato. Io li ho lasciati un po’ umidi e rosati all’interno. Fate come vi piace ma tenete conto che è una carne magra che si potrebbe mangiare cruda quindi se la cuocete troppo rischia di asciugarsi. Se vi piace l’hamburger ben cotto fatevi consigliare un taglio meno magro.


Per la salsa verde a modo mio:
1 mazzetto di prezzemolo,
2 rametti di maggiorana, timo e santoreggia
1 uovo sodo,
2-3 acciughe sott’olio,
1 spicchio d’aglio,
1 cucchiaino di capperi sotto sale,
1 cucchiaio di pinoli,
1 fetta di pane raffermo (solo la mollica),
olio evo,
aceto bianco o di mele.

Lavare le erbe aromatiche, staccare le foglie. Bagnate il pane con poco aceto, strizzatelo bene e spezzettatelo. Mettetelo nel mixer con le erbe aromatiche, l’uovo a pezzetti, l’aglio affettato finemente, acciughe, capperi dissalati e i pinoli. Frullate unendo pian piano qualche cucchiaio d’olio fino ad avere una salsa il più omogenea possibile.

Per completare il panino:
pomodori tagliati a rondelle,
peperoni arrostiti e spellati
Raschera d’alpeggio affettato sottile.

 Per accompagnamento:
falde di peperoni arrostiti e spellati,
chips di patate novelle e zucchine.



Prepariamo l’hamburger:
aprite a metà i panini e tostateli leggermente, mette una fetta di Raschera, la polpetta calda, una fetta di pomodoro, una cucchaiata di salsa verde e peperoni arrostiti tagliati a striscioline.
Al posto dei peperoni, per un gusto più delicato si può mettere qualche foglia di insalatina mista da taglio (rucola, spinacino, ecc).

Chiudete il panino e servite ben caldo con le chips di patate e zucchine e i peperoni arrostiti.








16 commenti:

  1. un inno al Piemonte! e che inno! anch'io adoro impastare con le mani, è una sensazione bellissima vero? delizioso l'hamburger con la candelina e tanti auguri al marito!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo...BUONE VACANZE IN CALABRIA!!

      Elimina
  2. Il maritino non si può assolutamente lamentare, questo hamburger è semplicemente un inno al sapore, al gusto, bello alto da mangiare assolutamente con gli occhi e sono sicura che mio marito ora sta invidiando il tuo! Allora auguroni alla tua metà, complimentissimi per la ricetta e buone vacanze!!!

    RispondiElimina
  3. Non avevo dubbi che il tuo hamburger sarebbe stato super goloso e tentatore! Un bell'omaggio alla cucina piemontese ed ai suoi eccellenti prodotti.

    RispondiElimina
  4. Lo adoroooooo!!! Bravissima!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. e quindi dopo un hamburger così buono e così bello non mi resta che dirti buone feste di fine anno, buone cose da preparare prima della partenza ....ma più di tutto buone vacanzeeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  6. Io direi che l esperimento è perfettamente riuscito alla prima!
    Cottura perfetta, sapori armonizzati alla perfezione.. Che si vuole di più?
    Tanti auguri al maritino e buone ferie!!!

    RispondiElimina
  7. Bellissimo! Molto meglio il burger che la torta di compleanno per noi!!
    E questi abbianmenti tipicamente piemontesi ci piacciono moltissimo!!
    Brava!

    RispondiElimina
  8. ma che bravissima che sei!!!!!!!!!!!!!!!buonissimo e tanti auguri!
    bacioni simona

    RispondiElimina
  9. Innanzi tutto tantissimi auguri al marito!!! Che se è come il mio poi si offende... :P
    Anche io compio gli anni prima del marito.. e non è sempre positiva la cosa, anzi mai! :))
    Ora passiamo al tuo hamburger. E mi domando. Se non avessi avuto il tempo, cosa avresti creato???
    Dici che il merito è della mia ricetta o della fortuna del principiante o della forza della disperazione o degli spiriti del lievito e del forno che hai invocato... io invece dico che il merito di questi bellissimi buns è tutto tuo!
    L'utilizzo delle noci mi ricorda tanto l'infanzia quando con i cuginetti passavo le domeniche nella campagna dai nonni e nonna immancabilmente preparava il pane alle noci. Hai cotto la carne perfettamente nonostante la difficoltà del poco grasso presente nella fassona. E il raschera che faccio una fatica a trovare anche nelle grandi catene di supermercati, sarò ciecata io? Probabilmente...
    Insomma, sei stata bravissima!!! E aspetto la tua seconda versione curiosa come una mangusta!!

    RispondiElimina
  10. Adoro questo hamburger!! E se dico che andremmo d'accordo ne ho ben donde.. :P

    W il Piemonte, W le ferie :D

    RispondiElimina
  11. ti ha risposata,vero?
    come regalo dei suoi quarant'anni, intendo...
    il mio quarto piemontese piange clade lacrime,commosso...
    tutto il resto,fa la ola.
    strepitoso

    RispondiElimina
  12. Un ragalino per il compleanno coi fiocchi. Questo mese mi sa che siamo tutte messe male, tra partenze, viaggi e altro :) Ma a quanto vedo la golosità non ha freni :) Un panino del genere lo mangerei volentieri, a qualsiasi ora :D

    RispondiElimina
  13. Ma daiiii! Avevo letto fassona e ti avevo scritto che era stata pure la mia idea se non fosse che qui da me non l'ho trovata. Poi arrivo qui finalmente per leggere bene la ricetta e vedo raschera, che era il formaggio che volevo utilizzare e che pure non ho trovato, dovendo ripiegare sul Bra. Insomma, mi pare che siamo in sintonia :) Quello che però non avevo ideato, era tutto l'insieme di ingredienti e sapori fantastici che ci hai messo tu. Un panino da dieci e lode, complimenti!

    RispondiElimina
  14. Mi viene da dire "Grande Giove!" che bontà!!! bello cicciuto e ricco!! A me invece impastare non mi piace non sono portata per i lievitati però li mangio con grande gusto :D :D

    RispondiElimina
  15. La salsa verde mi ha conquistata per il profumo che immagino e l'insieme di sapori è veramente ...godurioso! Auguri ancora al marito e un BRAVA grande a te!

    RispondiElimina

Spero vi siate divertiti qui da me. La mia porta è sempre aperta a tutti quelli che vogliono condividere con me la passione per la cucina e i libri. In amicizia e serenità. Sarò felicissima se mi lascerete un commento, un'opinione, un consiglio ...anche solo un saluto! Fa davero piacere avere un segno del vostro passaggo qui.