lunedì 11 maggio 2015

SPAGHETTI ALLA CHECCA ARRABBIATA … o meglio leggermente irritata per l’MTC n°48.

“… Mangiare bene, e bere ancor meglio, rilassa gli sfinteri dell’anima, sconvolge i punti cardinali della cultura repressiva e prepara alla comparsa di una comunicabilità che non va sprecata …” M.V. Montalban.






Eccomi qua. Son tornata, son passati quasi 20 giorni.
Mi ero ripromessa di essere più attiva, di curare di più questo mio angolino di cucina ingombra di libri e foglietti sparsi pieni di frasi, ricette, ingredienti.
Invece i giorni sono passati e non ho più postato nulla.
Non che qualcuno ne abbia sentito così tanto la mancanza, in verità, ma a quei due o tre che si sono chiesti che fine ho fatto semplicemente rispondo che ho poltrito.
Per quanto può poltrire una mamma con mille cose da fare ogni giorno.
Mi sono concessa un po’ di pausa per fare altro.
Ho cucinato, ovviamente. Sono andata alla ricerca di ingredienti e sapori. Ho letto libri di cucina e non, che magari ritroverete anche qua prima o poi, perché mi hanno ispirato più di una ricetta.

Ho un sacco di ricette in archivio pronte per essere pubblicate. Qualcuna più riuscita, qualcuna meno. Qualcuna ormai un po’ datata.
Aspettano solo il momento giusto, l’ispirazione giusta, le parole adatte.
Perché questo è anche un blog di chiacchiere oltre che di ricette. A volte queste parole sono inerenti alla cucina, più spesso non c’entrano nulla, sono ragionamenti in libera uscita.

Ci sono piatti che però rimangono indietro perché sembrano troppo semplici, troppo facili, troppo banali per raggiungere gli onori della cronaca. In un periodo di impiattamenti iperbolici, di ricerca dell’ingrediente insolito e raro, di accostamenti arditi, di tecniche di cottura quasi fantascientifiche e al limite del legale, che può dire di interessante un semplice piatto di pasta al pomodoro?
Tutto, in realtà.
Ci si può perfino costruire intorno un contest, una lezione di cucina con tutti i crismi, una sfida all’ultimo pomodorino per dimostrare che questo caposaldo della nostra tradizione è tutto fuorché facile e banale. Una sfida dell’ MTChallenge insomma, che altro?
Soprattutto se a proporla è una napoletana verace, nutrizionista per giunta, come Paola del blog Fairies’ kitchen, che non si è limitata solo a chiederci di fare la pasta col pomodoro, ma ci ha insegnato regole ben precise perché questo piatto diventi veramente un trionfo di sapore e di salute. 
Che tradotto in soldoni significa soprattutto tre cose: ingredienti di ottima qualità, cotture brevi e non invasive per quanto possibile e sapiente dosaggio di spezie e erbe aromatiche (anche per limitare quel sale che nonostante si presenti di recente con nomi esotici e colori gigioni sempre un tantino nocivo rimane, sempre sale è).
Insomma il classico sugo che si prepara nel tempo di far bollire l’acqua e cuocere la pasta.

Devo dire che questa sfida è proprio nelle mie corde perché amo i primi piatti e soprattutto questo genere di sughi, soprattutto con l’imminente bella stagione.
Ma non crediate che l’abbia presa tanto sottogamba, questa sfida forse più delle altre richiede una certa attenzione a calibrare bene ingredienti e cotture per evitare l’effetto “mappazzone”.

Io in realtà una ricettina pronta ce l’avevo già. Preparata in tempi non sospetti, una quindicina di giorni prima del tempo, con i primissimi pomodori, ancora poco saporiti in verità, acquistati di slancio in preda a una improvvisa voglia di bella stagione. Quindi non so se è sta gran genialata ma ci provo comunque.
A suggerirmela è stato come al solito un libro. Un libro di ricette ma anche di annotazioni semi serie sui piaceri della tavola legati a quelli del letto.
Si tratta di “RICETTE IMMORALI” di Manuel Vàsquez Montalban, dove ho appunto trovato la ricetta degli SPAGHETTI ALLA CHECCA ARRABBIATA, portata già alla ribalta culinaria da quell’altro gran buongustaio di Ugo Tognazzi.
Io conoscevo la Pasta alla Checca che è col pomodoro a crudo, mozzarella, basilico e origano, quella arrabbiata si presume che abbia abbondante dose di peperoncino in più.
Qui però il pomodoro va schiacciato e saltato in padella con aglio, olio d’oliva e erbe aromatiche, in più si aggiunge una generosa dose di peperoncino fresco o macinato e volendo una spolverata di formaggio grattugiato, ma anche no.
Come potevo sottrarmi a tanta goduriosa promessa?
Soprattutto se accompagnata da parole più che convincenti: “… la ricetta ingentilita da Tognazzi è diventata una squisita dimostrazione che, con la pasta, qualsiasi ingrediente raggiunge un risultato magico di autentica mutazione qualitativa. Si tratta comunque di un piatto pieno di freschezza (pomodoro quasi crudo, erbe) e di aggressione, come eccitanti morsi al palato. Delizioso piatto estivo da mangiarsi con pochi indumenti addosso …”
Praticamente un inno all’amore, per la pasta ovviamente.

Purtroppo ho fatto questo piatto con degli anonimi pomodorini a grappolo simil-perini maturi e ho aggiunto di mia iniziativa qualche datterino per dare colore.
Ovviamente quando si avranno a disposizione dei veri pomodori da sugo ben maturi (perini, costoluti, ramati, eccetera) sarà tutta un’altra storia. Ma in mancanza dei cavalli trottano gli asini e poi nell’impeto amoroso non si va tanto per il sottile.
Per quanto riguarda le erbe aromatiche da usare non c’era una precisa indicazione nel libro salvo l’origano. In giro per il web come al solito c’è tutto e il contrario di tutto, per cui sono andata a gusto mio ma soprattutto secondo quello che ho trovato fresco (Sempre per il principio dei cavalli di prima).










SPAGHETTI ALLA CHECCA ARRABBIATA
(da “Ricette Immorali” di M.V. Montalban ispirata da Ugo Tognazzi e liberamente modificata da me)

Per 4 persone:
320g circa di spaghetti (io spaghetti quadrati ruvidi, non all’uovo)
1-2 grossi pomodori da sugo o 5 pomodori perini maturi (io anche circa 12-15 datterini maturi),
1 testa d’aglio fresco (per me la testa è l’aglio intero che mi sembrava  un tantino eccessivo, quindi ho tradotto in 1-2 spicchi),
4-5 peperoncini piccanti secchi piccoli (dosate il numero secondo la piccantezza dei peperoncini che avete e secondo il vostro grado di sopportazione, io ne ho usati solo 2),
erbe aromatiche fresche (maggiorana, salvia, rosmarino, basilico, timo)
origano fresco o secco,
olio e.v.o
sale e pepe,
parmigiano (facoltativo).

Mentre portate a bollore l’acqua per la pasta, spellate i pomodori perini e tritateli grossolanamente. Lavate e tritate le erbe aromatiche (meno il basilico) e spellate l’aglio. Tagliate a metà i datterini e metteteli su un tagliere a sgocciolare dopo averli salati leggermente.
Mettete la pasta nella pentola e scaldate 2 cucchiai di olio in una larga padella. Fatevi leggermente dorare l’aglio per un minuto, unite i peperoncini sbriciolati e le erbe aromatiche tritate (meno il basilico) Mescolate velocemente e aggiungete i pomodori tritati. Fate asciugare a fuoco vivo e regolate di sale.
Scolate la pasta al dente e fatela brevemente saltare nella padella insieme ai datterini e a un cucchiaio di acqua di cottura. Unite le foglie di basilico e un filo d’olio a crudo.
Servite accompagnando con parmigiano grattugiato grossolanamente (io non l’ho messo perché secondo me andava bene così).












I pomodori si spellano meglio se tuffati per qualche istante in acqua bollente. Oppure si possono mettere una mezz’oretta in freezer, quando sono quasi congelati si passano velocemente sotto l’acqua del rubinetto e la pelle verrà via da sola, dopo qualche minuto son già morbidi per essere tritati.
Quando nell’orto di mio papà ci sono molti pomodori da sugo, oltre a fare la classica passata nei vasetti di vetro io ne congelo qualcuno intero proprio per usarlo anche in pieno inverno in questi sughi veloci dell’ultimo minuto. Spellati e tagliati a fette sono ottimi anche su pizza e focaccia. Non occorre nemmeno aspettare che si scongelino del tutto, due minuti a temperatura ambiente e si affettano facilmente. Poi via in forno o in padella.





Vi saluto con un altro passo del libro, un piccolo suggerimento che io vi giro così en passant:

“ … Un lungo incontro a tavola e un dopo tavola altrettanto lungo allontanano l’oscuro oggetto del desiderio.” 




14 commenti:

  1. Manuela cara, tornerai a dedicarti con più assiduità al tuo blog quando sentirai che ne hai voglia, ei momenti così li ho passati anche io, cioè dedicandomi ad altro...ora ho raggiunto un compromesso e riesco ad essere più attiva, ma perchè mi sento così... del resto credo che se i nostri blog sono un angolino di relax e pace..beh è così che vanno vissuti!!! Chapeau alla tua pasta...questo mese per quanto sono "pastara" credo che ingrasserei più che con i Pan di spagna...buona giornata Flavia

    RispondiElimina
  2. Fresca, piccantina come piace a me, brava! A volte serve prendersi una pausa, fa bene ed è doverosa, un bacione

    RispondiElimina
  3. Adoro la pasta al sugo piccantina e il mix di aromatiche utilizzato avrà dato un profumo e un sapore tutto particolare al piatto.
    Ma sai che non ho mai provato a congelare i pomodori interi? Dovrò proprio provare quest'anno! Grazie dell'info e in bocca al lupo per la gara.

    RispondiElimina
  4. Io non credo che tu abbia poltrito, solo che nella vita oltre al blog ci sono un'infinità di altre cose che si mangiano il tempo che vorremmo dedicargli. La tua idea per l'MTC mi piace molto, come mi piacciono i sapori profumati che sanno di primavera! Ciao, a presto

    RispondiElimina
  5. Bentornataaaaa :-) Ogni tanto fa bene "poltrire" anche se dubito che tu l'abbia fatto nel vero senso del termine :-P
    Ottima interpretazione di un classico e simpatico il titolo :-)
    A presto <3

    RispondiElimina
  6. Oddio, deve essere piccccccaante! Ho un terribile ricordo di una pasta cucinata da mio suocero, che probabilmente ha la bocca foderata di amianto, e da quel giorno il peperoncino lo affronto solo in dosi molto piccole! Credo proverò la tua Checca arrabbiata, ma mi sa che la mia sarò solo irritata!
    Un abbraccio, Lidia

    RispondiElimina
  7. In questi miei continui viaggi a Roma ho imparato a conoscere diverse preparazioni della cucina romana. Ed ho sorriso quando ho letto la tua pasta alla Checca. Ancora non la conosco, ma la sento così familiare, quasi fosse una preparazione di casa mia. E' simile, per certi versi, alla nostra pummarola. Veloce, sana e con tanto gusto. E come dici tu, giustamente, il gusto ne guadagna quando si parte da materie prime di qualità e quando si imparano a dosare tra loro. Mi piace la tua attenzione al sale (e qui ti guardo da nutrizionista) e questo piccolo accenno a come ridurlo. Che dire un piatto sano sotto tutti i punti di vista e davvero goloso :) Complimenti e grazie per la tua ricetta :)

    RispondiElimina
  8. "in mancansa de cavalli, trottan i asi"-era uno dei proverbi preferiti di mio papà..non so se si scriva così, ma lo leggevo in italiano e me lo ripetevo in zeneize... il fatto è che quando non hai cavalli, tesoro mio, tu hai solo dei purosangue: cultura, sensibilità, stile, abilità sconfinata, c'è tutto, in questo blog...così tanto di tutto che capiamo il tuo bisogno di staccare e ricaricare le pile. Anche perchè poi lo sappiamo, che i ritorni sono a questi livelli.Bravissima!

    RispondiElimina
  9. ADORO!!! Ti adoro cara Manuela!!! La pasta alla Checca è tra le mie preferite!

    RispondiElimina
  10. Mi piace questa tua pasta rapida con i sapori che piacciono a me e piccantina ...brava Manu

    RispondiElimina
  11. Mi piace questa tua pasta rapida con i sapori che piacciono a me e piccantina ...brava Manu

    RispondiElimina
  12. La cucina se non è immorale è senza gusto, sfama la bocca, ma non accende il resto.
    Qui invece.....c'è il fuoco dentro e tutt'intorno!!!

    RispondiElimina
  13. Già il titolo della tua ricetta mi aveva intricato. ..evocata qualcosa perso nei ricordi...ora mi sono illuminata! Gran bel piatto. Brava e bentornata

    RispondiElimina
  14. ALL'UNIVERSITY OF READING, IL PEDOFIL-O-MOSESSUALE RICCARDO BARRAI NATO A MILANO IL 26.11.1996, FA TANTE ORGE PEDERASTA (VERY DEPRAVED PAEDERAST RICCARDO BARRAI BORN IN MILAN ON 26.11.1996 IS AT THIS POINT A GONE MAD YOUNG PEDOPHILE)! PROPRIO COME PEDOFILO E' DA SEMPRE IL PADRE: PAOLO BARRAI! E PEDOFILO E' DA STRA SEMPRE IL NONNO: VINCENZO BARRAI! CRIMINALISSIME, MALATISSIME, PERICOLOSISSIME TRADIZIONI DI FAMIGLIA! I BARRAI: RAZZA BASTARDA, PURE ASSASSINA! PERO'.. ALLA FIN FINE.. YOUNG PEDOPHILE RICCARDO BARRAI E' DA COMPRENDERE: FU SODOMIZZATO GIA' DALLA SUA NASCITA, DA PPPP...PPP PUZZONE, PIDUISTA, PORCO, PAZZO, PADRE PEDOFILO E PEDERASTA PAOLO BARRAI!

    E A PROPOSITO DEL CRIMINALISSIMO QUALE...

    E' DAVVERO DA ARRESTARE SUBITO ( PRIMA CHE FACCIA AMMAZZARE ANCORA), IL TERRORISTA NAZISTA ED ASSASSINO, PAOLO BARRAI, NATO A MILANO IL 28.6.1965. NONCHE' MEGA RICICLA SOLDI MAFIOSI E POLITI-C-RIMINALI, OSSIA FRUTTO DI MEGA RUBERIE E MEGA MAZZETTE, RICEVUTE DA LEGA LADRONA E STRAGISTA SPAPPOLA MAGISTRATI, NONCHE', TANTO QUANTO, NAZIFASCISTA DITTATORE E PEDOFILO: SILVIO BERLUSCONI! DICEVO, E' DAVVERO DA ARRESTARE UNA QUARTA VOLTA, E SUBITO, IL TERRORISTA NAZISTA ED ASSASSINO, PAOLO BARRAI. NON PER NIENTE, GIA' STATO IN GALERA 3 VOLTE. OPINIONI TUTTE TERRIFICANTI SU DI LUI! MEGA TRUFFATORE E MEGA RICICLA CASH ASSASSINO VIA CRIMINALISSIMA BLOCKCHAIN INVEST, OLTRE CHE VIA NALISSIMA WORLD MAN OPPORTUNITIES LUGANO, CRIMINALISSIMA WMO SA PANAMA E CRIMINALISSIMA BSI ITALIA SRL DI VIA SOCRATE 26 MILANO! NOTO PEDOFIL-O-MOSESSUALE SODOMIZZA BAMBINI! CACCIATO DA CITIBANK A SBERLE, PER MEGA FRODI CHE LI FACEVA! SBAGLIA SEMPRE IN BORSA! AZZERA I RISPARMI DI CENTINAIA DI PERSONE! FALSO&LADRO&TRUFFATORE! DIFFAMA SUL WEB A FINI NAZIRAZZISTI! FONDATORE DEI NUOVI MEGASSASSINI TERRORISTI DI ESTREMISSIMA DESTRA: "NUOVI NAR"! FONDATORE DEL, PROSSIMAMENTE, DI FREQUENTE, OMICIDA: KU KLUK KLAN PADANO! CONDANNATO AL CARCERE A MILANO ED IN BRASILE ( 8 ANNI E PURE PER PEDERASTIA OMOSESSUALE, RIPETO, PURE PER PEDERASTIA OMOSESSUALE)! MULTATO DA CONSOB 70.000 €! DESTABILIZZA L'ITALIA PER FILO NAZISTI SERVIZI SEGRETI SVIZZERI! FA CRIMINI SU CRIMINI E NAZI-ST-ALKING, SU INTERNET, SU ORDINE DEI PUZZONI CRIMINALISSIM SILVIO BERLUSCONI, PAOLO BERLUSCONI ED UBALDO LIVOLSI DI FININVEST. IL VERME ASSASSINO PAOLO BARRI, E' ANCHE, DA SEMPRE, INNEGGIANTE ALLO SPAPPOLAMENTO DI MAGISTRATI SCOMODI "COME BERLUSCONI GRANDISSIMAMENTE FECE CON FALCONE E BORSELLINO"! PAROLE SUE, DETTE SPESSISSIMO! ORGANIZZANTE OMICIDIO DI DAVID ROSSI DI MONTE PASCHI!
    Ho tantissimo da scrivere sul gia' 3 volte finito in galera, accertatissimo pedofilo omosessuale, ladro, truffatore, sempre falso, nazi-st-alker, mandante di omicidi ( spesso, ma non sempre, mascherati da finti incidenti, malori o "suicidate"... come quando fece ammazzare David Rossi di Monte Paschi, ma ne scrivero' in dettagli molto presto), mega ricicla soldi mafiosi e/o politico-criminali (piu' tanto di orrido altro), arrestato gia' 3 volte, Paolo Barrai, nato a Milano il 28.6.1965 e gia' residente a Milano in Via Ippodromo 105! Come presto meglio sottolineeremo, multato dalla Consob ben 70.000 euro!
    http://www.consob.it/main/documenti/hide/afflittivi/pec/mercati/2013/d18579.htm
    VI SONO TONNELLATE DI ALTRE COSE DA DIRE SU QUANTO SIA BASTARDO EFFERATO CRIMINALE E PEDOFILO PAOLO BARRAI. TROVATE UNA PARTE ( CHE PRESTO AMPLIEREMO ALL'INFINITO), QUI:
    https://es-la.facebook.com/public/Truffati-Da-Paolo-Barrai

    RispondiElimina

Spero vi siate divertiti qui da me. La mia porta è sempre aperta a tutti quelli che vogliono condividere con me la passione per la cucina e i libri. In amicizia e serenità. Sarò felicissima se mi lascerete un commento, un'opinione, un consiglio ...anche solo un saluto! Fa davero piacere avere un segno del vostro passaggo qui.