venerdì 27 febbraio 2015

BUDINI DI ZUCCA E ROBIOLA CON FONDUTA AL PARMIGIANO E LA TESTA VUOTA.

Stasera ho la testa vuota.
In tv c’è Crozza che sta imitando Briatore. Un sciogno!!!
In un’altro canale c’è Will Smith che fa casino tentando di rimorchiare Carmen Elettra.
Probabilmente tra poco inizierà un’altra replica di Greys Anatomy.
La mia cagnolina dorme beata sul divano vicino a me. E russa pure.
Mio marito, con la scusa di andare a vedere se il bambino è andato sul serio a dormire, sta giocando con lui a qualche giochino sul tablet.
Io invece son qui che fisso lo schermo del PC.
Vorrei scrivere un post divertente e spiritoso.
Invece niente. Vuoto totale.
I pensieri mi sfuggono.
Scrivo una riga e poi la cancello.
La pagina Word mi fissa bianca e beffarda.
Blocco dello scrittore?
Blocco della blogger.
Allora mi concentrerò sulla ricetta. Che è quello che so fare meglio.
Su una ricetta che è nata così per caso. Qualche settimana fa.
Poi è rimasta li in archivio ad aspettare il momento buono.
Ed è arrivato.
E se sto ancora un po’ qui a cazzeggiare me lo perdo.
Perché oggi è il Gluten Free (Fry) Day. Ancora per poco.
E questa è una ricetta senza glutine.












BUDINETTI DI ZUCCA E ROBIOLA CON SEMI MISTI E FONDUTA DI PARMIGIANO.

Ingredienti per 12 budinetti:
600g polpa di zucca,
150g robiola di capra fresca,
1 uovo grande,
1 cucchiaio raso di amido di mais, riso o tapioca.
3 cucchiai di parmigiano grattugiato,
2 cucchiai di semi misti (zucca, papavero, girasole, lino),
noce moscata, sale affumicato,
olio e.v.o per ungere gli stampini.

Per la fonduta:
100ml panna,
70g parmigiano grattugiato.

Tagliate la zucca a dadini e cuocetela a vapore o in forno avvolta nell’alluminio, finchè è bella tenera. Schiacciatela con una forchetta e mettetela in una ciotola.
Unite l’uovo, l’amido, il parmigiano e la robiola e lavorate per amalgamare. Aggiustate di sale e insaporite con la noce moscata. Unite anche i semi.
Ungete leggermente con l’olio 12 stampini da muffins e riempiteli fino all’orlo con il composto.
Infornate a 180°, forno statico e già caldo, per circa 20 minuti, devono essere belli dorati in superficie. Lasciateli ancora 5 minuti nel forno spento nella parte più bassa in modo che si cuociano bene anche sul fondo, poi toglieteli dal forno e fateli intiepidire leggermente per poterli sformare facilmente.
Nel frattempo stemperate il parmigiano (o grana) grattugiato con la panna e portate a bollore mescolando. Cuocete a fuoco dolce per circa 2 minuti mescolando in modo che la crema si addensi un po’.
Servite i budini tiepidi con la crema ben calda e spolverateli di semini.
Potete servirli anche decorati con una acciuga sott’olio.
















ilove-gffd1


11 commenti:

  1. Fantastici !!! La zucca mi piace in tutti modi, così a flan è superlativa. Io li faccio senza nessun genere di farina

    RispondiElimina
  2. Ciao Cristina. Nei flan nemmeno io metto farina ma ci sono di solito più uova e magari un goccio di panna che legano il tutto. Qui ho omesso la panna e usato solo un uovo, contando che la zucca è molto acquosa avevo paura che mi rimanessero molto molli. Invece volevo una consistenza più soda. Per questo l'aggiunta della farina, o meglio di un amido. Grazie per la visita. A presto.

    RispondiElimina
  3. ciao Manuela, c'è ancora la neve li da te, che bello!!!!adoro la neve...qui oggi finalmente sole.....
    i tuoi piatti sempre ottimi...un bacione e buon we simona:))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo! Sono appena passata da te e ho visto meravigliosi segnaposto!! Sei sempre più brava. Qui c'è ancora tanta neve, anche se oggi fa caldo. Buona settimana.

      Elimina
  4. Sono troppo pigra.
    L'idea di scrivere, magari pure minuziosamente una ricetta mi procura un tal fastidio che spesso rinuncio a postarla.
    Normalmente non riesco neanche ad allineare ed impaginare gli ingredienti come voglio io.....viene fuori un papocchio bestiale.
    Quindi mi autoassolvo dalla mia indolenza e mi giustifico chiudendomi in cucina dove al contrario tutto funziona senza parole, tutto scorre e si fa terribilmente curioso ogni giorno.
    Sono così riservata che raccontare la mia vita è troppo intimo e prezioso.
    Sono divertente e divertita già nella vita che giocare a fare la simpatica mi annoia, pare più un esercizio di stile che volentieri lascio agli altri.
    La simpatia funziona se è istintiva ed autentica, come questo piatto che funziona eccome, senza neanche doverci provare più di tanto:))
    Che bello avere un cagnolino vicino ed un budino di zucca nel piatto, questo è quello che io definisco un "grande momento"!!!;))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono così. Non è un esercizio di stile, magari un po' ma nel senso che a me piace scrivere, raccontare, chiacchierare. Quasi più che a voce dove invece sono più riservata. La scrittura mi è sempre piaciuta, sin da piccola.
      Io scrivo quello che mi passa per la testa, spesso non c'entra nemmeno con la cucina. Mi siedo e do libero sfogo ai pensieri. A volte divertenti (spero spesso), a volte seri. Ma mai costruiti. Se non ho idee lo dico e basta. So che chi mi segue apprezza anche questo di me. Ormai sa come sono.
      Sono anche un po' fissata con la spiegazione delle ricette. Mi disturba un po' quando nei libri le trovo mal descritte e con tanti passaggi saltati o dati per scontato.
      Nei blog è diverso, perchè ognuno rispecchia la persona che li crea e quindi va benissimo se invece delle parole trovo foto o poesie o brevi frasi che danno solo l'dea del piatto. Ci sono persone che sanno comunicare benissimo anche senza parole. Tu sei una di quelle. Non ho bisogno che tu mi descriva i tuoi piatti per innamorarmene. Grazie per la visita. La cagnolina sta dormendo vicino a me anche stasera!!!

      Elimina
  5. Bellissimi questi sformatini... a volte non c'è bisogno di scrivere frasi "importanti"...la semplicità ci rende speciali ed importanti, soprattutto ciò che ci fa star bene...in questo caso cucinare!! BUon GFFD ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Alla fine cucinare qualcosa di goloso risolve sempre tutto. Ormai il GFFD sta diventando una piacevole abitudine. A presto.

      Elimina
  6. Ti assicuro che questa ricetta non ha bisogno di grandi presentazioni o parole..parla da sola :-)
    Grazie x avercela regalata e buona domenica <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Consu. Domenica è passata. come al solito rispondo sempre con netto ritardo.
      Spero la tua sia stata serena. La mia è stata movimentata ma divertente, prima parenti a casa che non vedevo da un po' e dopo cena io e mio marito ci siamo concessi una serata danzante! Ogni tanto ci vuole!

      Elimina
  7. Arrivo solo ora, e me ne scuso, ma sono felice di essere arrivata, perché questi budini salati sono meravigliosi!
    P.s. Io mi consolo con i miei due gattini e spesso fisso quella pagina vuota... verrà il tempo in cui la pagina sarà piena, senza problemi :)

    RispondiElimina

Spero vi siate divertiti qui da me. La mia porta è sempre aperta a tutti quelli che vogliono condividere con me la passione per la cucina e i libri. In amicizia e serenità. Sarò felicissima se mi lascerete un commento, un'opinione, un consiglio ...anche solo un saluto! Fa davero piacere avere un segno del vostro passaggo qui.