venerdì 18 ottobre 2013

ZLIKROFI: I RAVIOLI SLOVENI

Oggi sono un po’ di corsa. Per cui non mi dilungherò tanto in chiacchiere. In questi giorni vado a rilento in tutto, anche con il blog, che langue. Ho molte ricette in cantiere. Alcune le ho già preparate e fotografate e sono li che aspettano di essere scelte, ma anche se sono state promosse dalla prova degustazione dai miei severissimi giudici di casa, non hanno ancora passato la prova fotografica. Che è molto molto più dura da superare.

Una di queste ricette  l’ho preparata qualche sera fa, per la tappa dell’AbbecedarioCulinario Europeo che è ospitata da Cristina del blog Tutto-a-occhio.
Questa volta siamo in Slovenia, paese che confina col nostro e che ha in comune col nostro un po’ della sua storia. Ma anche la gastronomia: molti piatti infatti si ritrovano sia nel nostro Friuli che oltre confine.

I miei genitori sono tornati da poco proprio da Lubiana e dintorni e mi hanno raccontato di posti incantevoli. Ma hanno anche potuto assaggiare un sacco di specialità deliziose. Mia mamma ovviamente si è segnata tutto quello che le hanno portato, cercando di farsi spiegare dalla guida il perché e il percome. Immagino che la guida si sia sentita sollevata quando sono ripartiti! Del resto da qualcuno devo pure aver preso!!

Insomma, dai suoi appunti sono saltati fuori gli Zlikrofi di Idrija. Che sono dei ravioli di pasta molto sottile, ripieni di patate, cipolle e pancetta. Con una forma tipica, un po’ schiacciata che ricorda vagamente i nostri ravioli del plin. Di solito conditi con sugo di carne ma anche con burro e salvia.
Questo piatto è una specialità della città di Idrija, proclamato nel 2010 primo “piatto protetto” della Slovenia. Pare che siano stati importati da una famiglia di minatori tedeschi agli inizi del XIX secolo.

Io che adoro la pasta fresca, soprattutto quella ripiena, non ho saputo resistere alla tentazione di provarli.
Per sapere la ricetta ho dovuto fare un giro di ricognizione sul web. E l’ho trovata, anzi più di una, io ho fatto questa:

 

 

ZLIKROFI DI IDRIJA.

Per la pasta:
300g farina 00,
2 uova,
sale,
acqua qb.

Per il ripieno:
500g patate lessate,
1cipolla,
50g pancetta o lardo,
1 uovo,
2 cucchiai di grana grattugiato,
2 cucchiai erba cipollina,
1 cucchiaio di maggiorana,
olio extra vergine d'oliva,
sale, noce moscata.

Impastate la farina con le uova, un pizzico di sale e acqua quanto basta per ottenere una pasta liscia e omogenea. Avolgetela in una pellicola e fatela riposare per una mezzoretta.

Intanto preparare il ripieno:tritate finemente la cipolla e fatela rosolare con poco olio finchè è bella morbida, insieme alla pancetta tritata finemente.
Pelate e schiacciate le patate, unite la cipolla e la pancetta, l’erba cipollina e la maggiorana tritata, l’uovo, il formaggio grattugiato e mescolate. Aggiustate di sale e noce moscata.

Tirate la sfoglia molto sottile, distribuite piccole palline di ripieno distanti un dito tra loro. Chiudere la pasta come per i ravioli, ritagliarli a rettangolo, lunghi 3cm circa e alti 2cm, fate una piccola fossetta da un lato con un dito, facendo attenzione a non bucare la sfoglia, in questo modo avranno la caratteristica forma.
 
 
 
 
 
 

Lessate i ravioli in abbondante acqua salata, scolateli e conditeli con burro, salvia e formaggio grattugiato oppure con sugo di carne.



 

Devo proprio dire che questi ravioli sono buonissimi, molto sostanziosi e saporiti, ma deliziosi. La forma non mi è venuta proprio perfetta, ho cercato di imitare le foto che ho visto sul web, sono andata un po’ a intuizione. Ho notato che si dovrebbe usare una rotellina non dentellata.
Inoltre in cottura, pur avendoli scolati al dente, hanno leggermente perso la loro caratteristica fossetta, però che buoni!!

Le foto come al solito sono bruttissime!! Non ci sta niente da fare: sono negata! Usate l'immaginazione!

Ancora una volta ringrazio questa fantastica raccolta dell’ABC Culinario Europeo per avermi fatto provare e conoscere cose nuove.
 
 
 

18 commenti:

  1. devono essere squisiti questi ravioli! e poi mi piace tantissimo conoscere i piatti tipici di altri paesi! complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! In effetti sono molto saporiti. Scoprire i piatti degli altri è un po' (quasi) come viaggiare, con la fantasia!

      Elimina
  2. il nome è impronunciabile ma con la bocca piena non se ne accorge nessuno, vero? che buoni!
    forte tua mamma :-)
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che sa essere più curiosa di Jessica Fletcher se ci si mette. Senza effettti collaterali, però. ;-) L'unico inconveniente che capita a chi la frequenta è solo quello di ingrassare di un chilo soltanto sentendola parlare!!

      Elimina
  3. Questo piatto m'ispira proprio tantoooooo!!!!!:) ma che buoni devono essere!!!!! Un bacione Manu!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo. Sei sempre la benvenuta!!!

      Elimina
  4. il ripieno è buono e saporito!! mi piace anche la forma, non è vero che le foto sono brutte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però neanche belle. Hanno una strana luce verdognola, ho provato anche a modificarle con Picasa, mi sa che devo ancora imparare come si fa!

      Elimina
  5. Ciao :)
    A me sono piaciuti molto. Penso che li farò spesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Provali, sono davvero buoni. Un po' pesantini, ma se non esageri nele porzioni!!

      Elimina
  6. Ciao Manu, buona settimana un bacione a presto

    RispondiElimina
  7. Fantastici questi ravioli... ne avevo letto la ricetta, ma mi sono impigrita.... i tuoi sono molto carini! complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro impastare.Soprattutto la pasta ripiena. Forse non si è capito!! ;-)

      Elimina
  8. Ottimi !!!

    http://coccinellecreative.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. Anche a te sono venuti bellissimi! Mi piace molto questa forma a caramella.

    RispondiElimina
  10. Grazie per aver partecipato anche a questa tappa! Il nostro viaggio continua grazie a chi come te partecipa e non si dimentica di prendere la valigia e fare un po' di strada con noi :-)
    Il resoconto di questa tappa è qui: http://abcincucina.blogspot.com.es/2013/10/n-come-njoki.html...e ora...Estonia!
    Ciaoooo
    Aiu'

    RispondiElimina

Spero vi siate divertiti qui da me. La mia porta è sempre aperta a tutti quelli che vogliono condividere con me la passione per la cucina e i libri. In amicizia e serenità. Sarò felicissima se mi lascerete un commento, un'opinione, un consiglio ...anche solo un saluto! Fa davero piacere avere un segno del vostro passaggo qui.