venerdì 6 settembre 2013

WHALE WATCHING: come Achab ma senza l’arpione.

Sono sparita di nuovo. Sono andata in Liguria dai miei genitori, solo per pochi giorni. Gli ultimi scampoli di vacanza. Purtroppo la scuola incombe: martedì 10 settembre riapre i battenti.
Così abbiamo approfittato di 4 giorni di ferie per goderci ancora un po’ di mare.
Questo è il periodo che ho sempre preferito di più. Perché non fa mai troppo caldo e si resiste al sole anche nel mezzogiorno. C’è molta meno gente e di conseguenza meno traffico, meno confusione e … più parcheggi! Naturalmente ragionando con la mentalità di una nativa del luogo.
Salvo annate avverse, di solito a settembre il mare è favoloso e questa settimana ha proprio rispettato le aspettative: era limpido e calmo come un lago di montagna ma ancora caldo come ad agosto. Una meraviglia.
Noi ci siamo dedicati all’ozio più totale. Non ho nemmeno cucinato, giusto cose veloci per la sopravvivenza. Anzi ho proprio fatto l’eremita: mare, letture, riposo.

Ma una giornata l’abbiamo dedicata all’Avvistamento Cetacei o Whale Watching, che fa più figo.



Siamo partiti dal porto di Loano (che è tutto nuovo, bellissimo e con un sacco di parcheggi) al mattino intorno alle 10, con una motonave da circa 300 persone ma noi eravamo una settantina.
Abbiamo raggiunto Laigueglia dove abbiamo attraccato al piccolo molo per pochi minuti, giusto per far scendere i passeggeri che preferivano le acque cristalline e la spiaggia alle balene.


Veramente c’era la possibilità di scendere a terra per un’ora per visitare uno dei borghi più belli d’Italia; oppure rimanere a bordo per fare il periplo dell’Isola Gallinara, al largo di Alassio. Naturalmente abbiamo optato per questa seconda opzione, così abbiamo pranzato comodamente seduti ai tavolini (pranzo al sacco: sulla motonave c’è un piccolo bar fornito più che altro di bibite e qualche snack) mentre la barca circumnavigava lentamente l’Isola e una guida ci raccontava la sua storia.
Anche se sono abituata a vederla li al largo, con la sua rassicurante forma a tartaruga, mi sono accorta che in realtà non la conoscevo per niente.

 
 
 
 
 
 
 


Dopo una breve tappa ad Andora per raccogliere altri passeggeri, ci siamo diretti finalmente verso il mare aperto, nel cuore del Santuario dei Cetacei. La guida, che era una biologa marina, ci ha tenuto una breve ma interessante lezione sugli animali che avremmo potuto riconoscere.

Il primo breve incontro è stato con due piccole tartarughe, poi abbiamo avvistato due “piccoli” Zifi, cetacei di colore bruno, molto poco socievoli. Infatti si sono allontanati subito da noi.
Poi più nulla per una buona mezz’ora.

La motonave si è spinta oltre, procedendo lentamente, mentre tutti a bordo aguzzavano la vista. All’improvviso ci siamo ritrovati in mezzo a un branco di delfini: saranno stati  più di una cinquantina, grandi e piccoli. Arrivavano vicinissimi  ai fianchi della barca, giocavano con le onde della scia, ci superavano velocissimi e poi tornavano indietro, con tuffi e schizzi, come tanti monelli. Sembrava proprio che volessero dare spettacolo.
Hanno continuato a seguirci per un po’ poi come sono apparsi se ne sono andati.

 
 


È stato uno spettacolo emozionante, anche perché vederli liberi nel loro habitat e così vicini è incredibile. Ma niente a confronto dell’incontro con la balena.

A un certo punto la barca si è fermata con i motori al minimo e ci hanno invitato tutti a fare più silenzio possibile: stavamo per incrociare una balenottera comune che non è socievole e curiosa come i delfini. Avevamo tutti letteralmente il fiato sospeso, non osavamo nemmeno muoverci: all’inizio era solo un’ombra sott’acqua, poi una pinna nera e poi eccola: 20 metri e 60 tonnellate circa di maestosa potenza che nuotavano a fianco a noi.
 
 
 
 
 

Ci ha gironzolato intorno a un centinaio di metri per quasi mezz’ora, immergendosi brevemente e riapparendo poco più in la, con una leggerezza ed eleganza incredibili, muovendo pochissima acqua in rapporto alla mole.
Infine dopo un ultimo sbuffo se n’è andata, silenziosa ed altera come era venuta.








Dopo questo memorabile incontro siamo ritornati a casa … stanchi ma felici … come nei migliori temi di studenti delle elementari ! Comunque è proprio così!

Se siete interessati a orari, tariffe, date di questo fantastico tour vi do il link della compagnia che lo organizza:www.liguriaviamare.it  e anche www.whalewatchliguria.it Tra l’altro organizza anche escursioni in barca lungo tutta la costa ligure.

Devo proprio fare i complimenti per l’ordine, la puntualità e la gentilezza di tutto l’equipaggio e una menzione speciale al comandante che ha manovrato la grande motonave con la leggerezza e l’agilità di un piccolo canotto.
Certamente la giornata splendida di calma piatta ha notevolmente aiutato. La fortuna poi è stata benevola perché non sempre si riescono a fare tanti e tali incontri.
Questa è un esperienza che consiglio vivamente, sono anni che è possibile fare questa escursione ma naturalmente noi del posto siamo lenti a sfruttare le opportunità. Ho colmato la lacuna e ne sono soddisfatta.

In questo post non vi do alcuna ricetta, volevo solo rendervi partecipi della mia avventura. Spero che vi sia piaciuto leggermi anche solo un pochino.

10 commenti:

  1. Non ho parole.. ti dico solo che mi hai emozionata! Che posto stupendo, hai fatto bene a godertelo proprio tutto!! <3 <3 TVB

    RispondiElimina
  2. Mi credi se ti dico che mentre si avvicinava la balena mi sono venute le lacrime agli occhi?
    La cosa incredibile è il suono del suo respiro! non saprei come descriverlo! é primordiale!

    RispondiElimina
  3. Hai fatto benissimo a goderti gli ultimi scampoli di vacanza in questa terra splendida..io ci vado spesso quando ho voglia di farmi del bel mare! Bellissima anche la gita in barca e che fortuna essere riuscita ad avvistare anche la balena O_O!!!
    Ti ringrazio per aver condiviso quest'esperienza!
    Buona domenica cara <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata davvero una bella fortuna! Non è mai sicuro che si riescano a vedere davvero!

      Elimina
  4. Ciao Manu, che meravigliosa esperienza! E pensa che io che qui ci sto, questa bella gita non l'ho mai fatta. Dovrò rimediare. Ci sentiamo presto con le nostre solite ricettine, ti abbraccio, a prestissimo e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio vivamente! Mi sono deivertita tantissimo. Ciao, a presto.

      Elimina
  5. Che favola!!! deve essere stato bellissimo, i delfini li ho visti in mare aperto, ma la balena.....che esperienza!! questa vita è davvero meravigliosa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La balena regala davvero delle emozioni in più!

      Elimina
  6. ma grazie!! mi sono segnata i siti tra i preferiti! in questi ultimi anni sto visitando la liguria (ignoranza abissale di alcuni luoghi che ho a due passi) e mi piacerebbe fare questa esperienza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è una esperienza che ti consiglio di fare. A volte si tende a non tenere in considerazione le cose che abbiamo intorno e poi magari si fanno chilometri per veder posti lontani! Succede un po' a tutti. Ma adesso devo rimediare1 ;-)

      Elimina

Spero vi siate divertiti qui da me. La mia porta è sempre aperta a tutti quelli che vogliono condividere con me la passione per la cucina e i libri. In amicizia e serenità. Sarò felicissima se mi lascerete un commento, un'opinione, un consiglio ...anche solo un saluto! Fa davero piacere avere un segno del vostro passaggo qui.